Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
Lunedì, 16 Luglio 2018 07:18

Insegnare e Apprendere Chimica

domenici cover insideIl manuale universitario scritto da Valentina Domenici "Insegnare e apprendere chimica" è stato pubblicato recentemente presso l'editore Mondadori Education. Il volume affronta aspetti cruciali dell'insegnamento e dell'apprendimento della chimica. A partire dai nuclei fondanti della disciplina, dagli aspetti storici ed epistemologici, il testo intende fornire ai futuri insegnanti non solo gli strumenti e le strategie didattiche attualmente disponibili per insegnare la chimica in modo efficace in relazione ai diversi livelli scolastici, ma anche una riflessione critica e ragionata dei diversi approcci didattici, da quelli più tradizionali a quelli più innovativi legati alle recenti ricerche internazionali di didattica della chimica. Il volume è stato pensato anche per rispondere alla recente normativa che prescrive il possesso di 24 CFU in metodologie e tecnologie didattiche per l'insegnamento della chimica nella scuola secondaria. Il volume risponde inoltre ai contenuti dei corsi di didattica della chimica, in particolare ai corsi di nuova attivazione "Storia della Chimica ed elementi di didattica" e "Fondamenti e metodologie per l'insegnamento della chimica" dei corsi di Laurea in Chimica attivi presso l'Università di Pisa.

La tecnologia laser ha avuto un’ampia sperimentazione nel campo della applicazioni in conservazione e restauro dei Beni Culturali. Negli ultimi decenni una ricerca sistematica è stata condotta per una sicura ed efficace applicazione del laser nella pulitura di varie tipologie di superfici lapidee, lignee, metalliche, cartacee, tessili e substrati pittorici. Diverse Istituzioni universitarie e non organizzano il Workshop di aggiornamento 'Tecnologie laser per il restauro' giunto alla sua seconda edizione, finalizzato all’ aggiornamento delle più comuni sorgenti laser presenti in commercio, e alla pratica nella pulitura di differenti materiali tra gli operatori del settore della Conservazione dei Beni Culturali. Il workshop che si terrà a Palermo nei giorni dal 14 al 17 novembre sarà organizzato in una prima parte teorica e una seconda pratica per l’utilizzo di sorgenti laser Er:YAG e Nd:YAg. Troverete ulteriori informazioni sul sito web dedicato: laserforconservation.dcci.unipi.it

copertina persico granucciÈ stato pubblicato presso l'editore Springer il libro "Photochemistry: A Modern Theoretical Perspective", di Maurizio Persico e Giovanni Granucci. Il libro è al livello di studenti magistrali o dottorandi e descrive modelli teorici per i più importanti fenomeni fotochimici e fotofisici, concentrandosi sugli aspetti dinamici. In buona parte deriva dagli appunti degli insegnamenti di fotochimica tenuti dagli autori nei corsi di Laurea e Laurea Magistrale in Chimica del nostro Dipartimento. From Springer Web Site: "This book offers an introduction to photochemistry for students with a minimal background in physical chemistry and molecular quantum mechanics. The focus is from a theoretical perspective and highlights excited state dynamics. The authors, experienced lecturers, describe the main concepts in photochemical and photophysical processes that are used as a basis to interpret classical steady-state experimental results (essentially product branching ratios and quantum yields) and the most advanced time-resolved techniques. A significant portion of the content is devoted to the computational techniques present in quantum chemistry and molecular dynamics.With its short summaries, questions and exercises, this book is aimed at graduate students, while its theoretical focus differentiates it from most introductory textbooks on photochemistry".

Laureato in Ateneo, dal 1988 era professore al Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale
Il 5 maggio 2018 è mancato Adriano Carpita, professore di Chimica Organica del Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Nato a San Miniato nel 1953, Adriano Carpita ha studiato Chimica presso l’Università di Pisa e la Scuola Normale Superiore dal 1972 al 1978 e in seguito è stato perfezionando della S.N.S. Dal 1981 è diventato ricercatore della stessa S.N.S. e nel 1988 è stato chiamato come professore associato all’Università di Pisa. Le sue ricerche hanno riguardato principalmente lo sviluppo di reazioni di cross-coupling C-C promosse da metalli di transizione, l’uso di microonde e/o di catalizzatori costituiti da nanoparticolati metallici supportati, e la possibilità di condurre tali reazioni in sistemi a flusso continuo, anziché nei classici reattori batch. Le applicazioni di tali metodologie hanno in gran parte riguardato la sintesi vari tipi di sostanze naturali o loro analoghi, di interesse per l’agricoltura (fra i quali, in particolare, i semiochimici degli insetti) e anche di sostanze, o classi di sostanze, potenzialmente antitumorali. Il professor Carpita si è dedicato con passione alla ricerca e all’insegnamento, con grande apprezzamento da parte di numerosi allievi, senza mai risparmiarsi neanche a fronte di gravi problemi di salute. (UnipiNews)