Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x

SOCIAL DCCI

social media button generator

 

chichome

Login

Per accedere all'Area Risevata ( Verbali, mailing list ecc.) loggarsi con le proprie Credenziali di Ateneo

Venerdì, 10 Luglio 2020 08:12

Un biodiesel di nuova generazione a partire dai rifiuti dell'industria della carta

biodiesel rifiuti"La recente pubblicazione dell'articolo scientifico dal titolo "From paper mill waste to single cell oil: enzymatic hydrolysis to sugars and their fermentation into microbial oil by the yeast Lipomyces starkeyi" sulla rivista “Bioresource Technology”, da parte del gruppo di Green Catalysis del nostro dipartimento, descrive un innovativo schema di bioraffineria per la conversione di rifiuti dell'industria della carta in un biodiesel di nuova generazione. L’"olio di singola cellula" rappresenta un’alternativa promettente sia alle fonti fossili sia agli oli vegetali ottenuti da colture alimentari. In questo studio, è stato proposto e ottimizzato un innovativo processo a due step per la conversione dei rifiuti dell’industria della carta in olio di nuova generazione.

Gli idrolizzati ricchi di glucosio e xilosio sono stati prodotti mediante l’idrolisi enzimatica dei rifiuti non pretrattati. Nelle condizioni di reazione ottimali sono state raggiunte rese di glucosio e xilosio del 95% in moli. L’idrolizzato non detossificato è stato poi utilizzato come substrato per una fermentazione in modalità batch da parte del lievito oleaginoso Lipomyces starkeyi. La resa lipidica, il contenuto lipidico per singola cellula, la produzione di lipidi e la produttività massima sono stati rispettivamente del 20.2% in peso, 37% in peso, 3.7 g/L e 2.0 g/L/giorno. Questo olio di nuova generazione, ottenuto da rifiuti industriali a valore negativo, rappresenta una promettente piattaforma chimica per la produzione di biodiesel, biosurfattanti, mangimi per animali e materie plastiche a base biologica. Nel complesso, questo approccio a cascata ha permesso la completa conversione di una risorsa rinnovabile in molecole ad elevato valore aggiunto, in accordo con il nuovo modello di economia circolare e con i principi della chimica verde. Il lavoro scientifico, svolto in collaborazione con l'Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant'Anna e il Laboratorio di Bioraffineria e Chimica Verde dell'ENEA Trisaia, è disponibile al seguente link: https://doi.org/10.1016/j.biortech.2020.123790"